Spari intimidatori. Illegittimo il divieto di detenzione armi.

Gli spari in aria finalizzati a intimidire malviventi, seppur già in fuga, non determinano, sic et simpliciter, il venir meno del requisito dell’affidabilità. Pertanto, è illegittimo il provvedimento che assoggetta l’amministrato al divieto di detenzione armi.

Tar Emilia Romagna, sez. I, 14 gennaio 2019, n. 30

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
Chiudi